Vitamine e sali minerali

a cura di Carla Massidda.

 

L’etimologia della parola vitamina, significa "anima della vita" .

Le vitamine sono composti organici presenti negli esseri viventi sia animali che vegetali, fungono da biocatalizzatori nelle reazioni chimiche per il corretto funzionamento dell'organismo. Sono indispensabili per il corpo umano, che non è in grado di sintetizzarle, per cui devono essere assunte attraverso l'alimentazione. Le fonti principali sono frutta e verdura.

 

AZIONI PRINCIPALI:

                                              

rafforzano il sistema immunitario

antiossidanti

sostengono sistema nervoso centrale

agiscono sul funzionamento del sistema endocrino

agisco sul metabolismo dei carboidrati , delle proteine e dei lipidiogni vitamina svolge un compito particolare nell'organismo che non può essere sostituita da nessun'altra sostanza.

 

Svolgono un effetto sinergico tra loro, con diversi minerali ed acidi grassi:

stimolante     vitamine A-E-B1-B6-B10-B3

sedante         vitamine D- B12-Colina

transitoria      vitamine B5-B6

 

In base alla loro capacità di sciogliersi in acqua o nei grassi, le vitamine vengono suddivise in liposolubili e idrosolubili. La differente solubilità condiziona numerose caratteristiche delle vitamine stesse, come ad esempio la loro presenza nei cibi, la loro digeribilità, l'assorbimento, la distribuzione nell'organismo, la sensibilità agli agenti ambientali. La biodisponibilità è influenzata da fattori quali, calore, luce, esposizione all’aria e acidità-alcalinità, che possono alterare o distruggere il quantitativo presente nell’alimento. Il caffè riduce l'assorbimento delle vitamine in generale.

  • VITAMINE LIPOSOLUBILI:

solo solubili nei grassi e pertanto vengono assorbite nel tratto intestinale attraverso i lipidi,  si accumulano nel fegato e nel tessuto adiposo, creando una fonte di “stoccaggio”.

Vit. A (axoferolo) : sensibile al calore, alla luce, all'aria e all'acidità

Vit. K (fitonadione) : sensibile alla luce e all'alcalinità

Vit. E (tocoferolo) : sensibile al calore, alla luce e all'aria

Vit. D (colecalciferolo): sensibile all'aria e all'acidità

 

  • VITAMINE IDROSOLUBILI:

sono solubili in acqua e non vengono immagazzinate, ma l’eccesso viene eliminato attraverso le urine; è necessario rifornirne una certa quantità ogni giorno.

Vit. B1 (tiamina): sensibile al calore, all'aria e alcalinità.

Vit. B2 (riboflavina) : sensibile al calore, alla luce e all'alcalinità

Vit. B3 ( PP o niacina): resistente in tutte le condizioni

Vit. B5 (acido pantotenico) : sensibile al calore

Vit. B6 (piridossina) : sensibile al calore

Vit. B8 (H o biotina) : sensibile al calore

Vit. B9 (acido folico) : sensibile al calore, alla luce, all'aria e all'acidità

Vit. B12 (cianocobalamina) : sensibile alla luce

Vit. C (acido ascorbico): sensibile al calore (si degrada subito a una temperatura di 40° e dopo due giorni a temperatura ambiente), alla luce, all'aria e all'alcalinità

i minerali 

I minerali hanno funzione plastica o catalitica, che consente di entrare nella costituzione delle strutture corporee.  Sono elementi  presenti nel sangue, nei tessuti, negli organi e nei liquidi corporei, dove partecipano a numerosi processi enzimatici e metabolici. I minerali agiscono come "architravi" per migliaia di enzimi e di composti chimici contribuendo a regolare l'attività di tutti i tessuti.

I minerali si suddividono  in:

  • Macroelementi (fabbisogno giornaliero è superiore a 100 mg)

calcio (Ca), fosforo (P), sodio (Na), potassio (K), cloro (Cl) , magnesio (Mg), zolfo (S)

  • Microelementi  (fabbisogno giornaliero varia da meno di 1 mg sino a 100 mg)

ferro (Fe), rame (Cu), zinco (Zn), manganese (Mn), iodio (I), molibdeno (Mo), selenio (Se) , fluoro (F), cobalto (Co)

  • Oligoelementi (fabbisogno in microgrammi non stabiliti)

arsenico (quantità molto piccola) (As), bromo (Br), boro (B), cromo (Cr) , nichel (Ni), germanio (Ge) silicio (Si) , vanadio (V), tungsteno (W), stagno (Sn)

  • Minerali  estranei  (minerali estranei all'organismo e la loro presenza può causare gravi danni)

piombo (in grandi quantità) (Pb), arsenico (in grandi quantità) (As), cadmio (Cd), mercurio (Hg), bario (Ba), alluminio (Al), litio (Li), berillio (Be) , argento (Ag), oro (Au), antimonio (Sb)

 

L’assimilazione è influenzata dalla loro biodisponibilità,  ovvero la quota di elementi ingerita che viene effettivamente assorbita, trasportata al sito di azione e convertita nella forma fisiologicamente (o tossicologicamente) disponibile

La biodisponibilità è influenzata da diversi fattori:

 

 fattori intrinseci        microflora intestinale ed eventuali infezioni intestinali

                               Stato di salute generale

                               Problemi apparato gastrico

 

fattori fisiologici         età e sesso

                               crescita, gravidanza, allattamento

                               abitudini alimentari e stato di nutrizione

                               stress ambientale

 

fattori estrinseci         forma chimica del minerale

                                solubilità del minerale

                                meccanismi di antagonismo competitivo con altri minerali

 

La salute è garantita dall’equilibrio omeostatico fra i vari nutrienti. La perdita di questo bilanciamento vitale, in particolare dei minerali, può facilmente arrecare carenze subcliniche. Uno squilibrio dei minerali, ad esempio, può estendersi alle vitamine e persino interferire con le funzioni endocrine.

I minerali a livello intracellulare presentano due tipi di interazioni ad azione SINERGICA ed ANTAGONISTA, che possono verificarsi a due livelli: metabolico e di assorbimento

  • Azione Antagonista

A livello metabolico:  l’ eccesso di un elemento interferisce con le funzioni metaboliche di altro o contribuisce alla sua escrezione. Può inibire o interferire, a livello intestinale, con l’assorbimento di un minerale o di un’altro elemento.

  • Azione Sinergica

A livello metabolico: contribuisce all’assimilazione dei minerali e vitamine compatibili. La carenza  di un elemento può favorire un accumulo tossico di un altro minerale. (es. il piombo che si sostituisce in caso di carenza di ferro)

I minerali a livello tissutale hanno un’azione a livello del sistema parasimpatico o simpatico:

Azione stimolante                  P-Na-K-Fe-Mn-Se

Azione sedativa                      Ca-Mg-Zn-Cu-Cr

Azione transitoria                   Zn-Cu-Se

dettagli

Il nostro indirizzo:

Carla Massidda
riceve negli studi di:

Roma, via Pincherle 153

Cagliari, via Lubich 32

 




Tel. 3385085032 3385085032

E-mail naturopatia@carlamassidda.it

Informazioni

Grazie alle conoscenze approfondite e  competenza nel settore, Carla Massidda è il riferimento che cercavate per la vostra salute.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© carla massidda tutti i diritti sono riservati - E' vietata la riproduzione di immagini e testo, anche parziale